Competizioni
Serie A1
Serie A2
Le rubriche
Prima Pagina
A bordovasca
Nazionali
Faccia a Faccia
Il caso
Comunicati stampa
La vostra posta
<< Torna alla Home Page
<< Back
A1: Padova gongola
Bogliasco mugugna
La 4a giornata registra il successo del team veneto, il pari tra Roma e Catania e i primi successi di Cosenza e Firenze
20/11/2017 - Redazione
 
Una vittoria importante che fa tornare il sorriso in casa Padova, quella centrata dalle biancorosse in casa del Bogliasco e che riporta il sodalizio veneto, balzato da solo, in vetta alla classifica del campionato femminile di serie A1.
Così Stefano Posterivo a fine gara: "Partita sotto tono e sotto ritmo. Visto il nostro momento difficile sono contento per il risultato e per come le ragazze hanno condotto la partita, in un campo sempre ostico, disputando una partita in linea con la nostra personalità". 
Non è dello stesso avviso, ovviamente, il trainer del Bogliasco, Mario Sinatra che così si è sfogato a fine match: "Dispiace molto per il risultato finale, ma se la nuova pallanuoto è questa possiamo pure decidere di non giocare più. Onestamente non capisco il metro di giudizio degli arbitri, che soprattutto sulle corsie esterne hanno lasciato che le ragazze si massacrassero. Ad ogni modo se perdiamo 6-4 contro le campionesse d'Italia, oltretutto schierando una ragazzina in porta, significa che qualcosa di buono l'abbiamo fatto. Stiamo accorciando sempre di più il gap rispetto alle altre ma dobbiamo crescere ancora e capire che a questi livelli non si devono più commettere ingenuità. Gli avversari i gol se li devono sudare”.
Nella altre sfide che hanno caratterizzato la quarta giornata del girone di andata, si registra il pareggio, con 6 reti per parte, tra Sis Roma e Orizzonte Catania, sette giorni dopo, della finale di Fin Cup vinta agevolmente dalle isolane. Così il trainer del sodalizio laziale Pierluigi Formiconi ha commentato l'esito della gara: 
“Nonostante fossimo andati sotto nel punteggio, complice anche diversi nostri errori, siamo stati bravi nel non aver mai mollato ed attraverso alcuni accorgimenti tattici siamo riusciti a recuperare la gara. Col senno di poi dico che se avessimo fatto meglio l’uomo in più avremmo anche potuto vincere la gara. Partita che ci serve come lezione importante per il futuro”.
Questo invece il giudizio del trainer del team siciliano, Martina Miceli: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile e così è stato, anche perchè eravamo consapevoli di non avere a disposizione tante energie da spendere. Abbiamo fatto benissimo per due tempi, ma purtroppo già alla fine del secondo tempo abbiamo mollato pensando a chiudere la partita, mentre invece avremmo dovuto gestirla. Poi quando loro hanno segnato due gol siamo andate nel panico. Ben vengano questi momenti, perchè dobbiamo trovare dentro di noi le forze per reagire in situazioni difficili che finora ci erano capitate raramente. Ci portiamo a casa un nuovo bagaglio d’esperienza certamente importante, sapendo bene in cosa dobbiamo migliorare. Sicuramente in attacco oggi Valeria Palmieri ci è mancata tantissimo, anche perchè Rosaria Aiello non era in splendida forma ed ha dovuto fare nuovamente gli straordinari. In ogni caso, ci prendiamo questo pareggio che ci dà comunque un punto, malgrado rimanga il rammarico per com’è andata la partita, perchè avremmo potuto certamente conquistare la vittoria”. 
Primi successi della stagione per Cosenza e RN Florentia. Le calabresi di Marco Capanna hanno avuto ragione del Milano forti di una strategia di gioco dettata con convinzione dal tecnico ligure che così commenta: "Io ho una idea di gioco ed è normale premiare chi la sposa mostrando sacrificio, tenacia e voglia di vincere. In vasca ho visto una squadra compatta, brava nella gestione e sempre in partita. Nei momenti delicati le ragazze hanno tirato fuori gli artigli, mostrando qualità nella fase difensiva e rimediando al blackout del terzo tempo. Possiamo migliorare molto quando attacchiamo la porta e in altre situazioni di gioco, ma le percentuali rispetto all'inizio del campionato sono migliorate e quando questo accade le vittorie arrivano".
Questa invece l'analisi del trainer lombardo Fabrizio Diblasio: “Mi spiace veramente aver perso in questo modo: abbiamo giocato molto bene in difesa, abbiamo giocato l’uomo in meno in modo ottimo (0 su 5 lo score del Cosenza), ma abbiamo regalato 5 gol su 6. Proprio regalato, tra incomprensioni, mancate chiusure, e altro. Inoltre abbiamo sbagliato veramente l’incredibile in attacco. Ricordo almeno 3 volte 1 contro 0 che non siamo riusciti a concretizzare, oltre ad almeno altre 3 parate strepitose di Gorlero. Ma questa è la realtà, e quindi dobbiamo subito ributtarci nella mischia, perché le prossime partite in campionato saranno difficili contro squadre molto ben attrezzate. Ci proveremo, questo è sicuro perché siamo usciti troppo amareggiati dalla vasca e non vogliamo che succeda piu”.
La Florentia l'ha spuntata imponendosi in casa sul Messina. Gioiosa l'analisi del trainer delle gigliate Andrea Sellaroli: “Era importante vincere per il morale e la classifica, e ci siamo riusciti. Finora avevamo giocato delle buone gare senza raccogliere punti. Queste volta i nostri sforzi ed il nostro impegno sono stati premiati. Rispetto all’anno scorso ci sarà da soffrire, visto il campionato e le avversarie, ma da parte nostra c’è molto entusiasmo dettato dall’ottimo rapporto consolidato all’ interno del gruppo, ma anche dall’ottima intesa con la società e tutto lo staff tecnico femminile e maschile”.
Amara l'analisi del trainer del Messina, Francesco Misiti “ Non si può mai essere soddisfatti nel commentare una sconfitta, però, la mia squadra, a dispetto del punteggio, è stata nel match fino all’ultimo quarto. L’uscita di Radicchi ci ha penalizzato ed è così che, alla fine, si spiega il risultato finale. Le ragazze hanno dato tutto e le più giovani stanno maturando nelle difficoltà. Continuando così prima o poi centreremo un risultato favorevole”.
Accedi all'archivio

Share
Messina - Bogliasco
L'ira del presidente Genovese
Il numero uno del team peloritano: 'Pessimo metro arbitrale. Mi sento preso in giro'. Sinatra: 'Prova di carattere'.

Elisa Casanova presidente
della Nuotatori Genovesi
Idee chiare, progetti concreti, nessun compromesso quando si tratta di giovani che praticano lo sport.

Serie A2: Como Nuoto
Arriva l'argentina Carla Comba
26 anni, giocatrice universale reduce dall'esperienza trascorsa la scorsa stagione nelle file del NC Milano.

News news news
15.11.17- Setterosa: collegiale ad Ostia dal 20 a 22 novembre
14.11.17- Serie A1 - 4a giornata. programma & arbitri
11.11.17- FIN Cup. Orari e arbitri delle finali
05.11.17- Il Kirishi si aggiudica anche la Supercoppa
02.11.17- Raduno a Santa Maria Capua Vetere per le Nazionali Under 17 e Under 18
02.11.17- Serie A1 - Terza giornata. Programma & arbitri
26.10.17- Serie A1 - Seconda giornata. Programma & Arbitri.
17.10.17- Serie A1 - Prima giornata - Programma & arbitri
13.10.17- Izabella Chiappini ha acquisito la cittadinanza italiana
04.10.17- FIN CUP. Scatta fase due
© 2012 waterpolowomen.it
E' vietata la riproduzione anche parziale del materiale pubblicato sul sito senza autorizzazione