Competizioni
Serie A1
Serie A2
Le rubriche
Prima Pagina
A bordovasca
Nazionali
Faccia a Faccia
Il caso
Comunicati stampa
La vostra posta
<< Torna alla Home Page
<< Back
<< Torna all'elenco articoli
 
Cosenza PN
3
GS Orizzonte
9
Gol
Espulsioni
Gorlero G.
-
-
Citino G.
1
-
Gallo M.
-
-
De Mari R.
-
Definitiva
Motta S.
1
-
Nistic˛ F.
-
-
Kuzina S.
1
-
Nicolai C.
-
-
Di Claudio L.
-
Definitiva
Presta C.
-
-
Motta R.
-
-
De Cuia V.
-
-
Sena F.
-
-
Gol
Espulsioni
Johnson A.
-
-
Ioannou C.
-
-
Garibotti A.
2
-
Bianconi R.
3(1 r.)
-
Aiello R.
-
-
Santapaola R.
-
-
Palmieri V.
1
-
Marletta C.
-
-
Van der Sloot C.
2
-
Morvillo A.
1
-
Riccioli I.
-
-
Lombardo S.
-
-
Schillaci F.
-
-
Sup. num. 1/8Sup. num. 2/9
Allenatore: Capanna M.Allenatore: Miceli M.
Arbitri:Navarra, Petronilli
Parziali: 0-0, 2-3, 1-4, 0-2
Note: spettatori 100 circa. Uscite per limite di falli Di Claudio (Cosenza) nel terzo tempo e De Mari (Cosenza) nel quarto tempo.
Gol:gol   Espulsioni:espulsioni    

Cosenza, il cuore non basta. Il Catania fa bottino
03/03/2018 - Redazione
 
QUI COSENZA
Cuore e impegno non bastano. L’Orizzonte Catania sbanca Cosenza, conferma le sue qualità e un primato che di sicuro non sarà in discussione da qui al termine del torneo. Le ragazze di Capanna, oggi sostituito da Fasanella per la squalifica rimediata a Padova, hanno retto l’urto due tempi, giocando bene e passando in vantaggio. Poi è uscita fuori la forza di una squadra costruita per vincere tutto, e Cosenza ha provato a lottare senza però riuscire a sovvertire il pronostico. Ne è venuto fuori un match giocato fino agli ultimi secondi con caparbietà dalle rossoblu, che hanno lottato e mostrato impegno, ma che a livello qualitativo ha mostrato un dislivello palese. La cronaca. Cosenza con Fasanella in panchina e squadra che nel primo periodo lotta ad armi pari contro le etnee. I primi 8 minuti vanno in archivio sullo 0-0 e Cosenza nel secondo parziale fa tutto a meraviglia. Citino e Silvia Motta regalano il 2-0 alle padrone di casa che però si ritrovano con i due marcatori gravati di due falli a testa. Catania capisce che le rossoblu sono in gara e spinge sull’acceleratore. Il risultato è nei gol di Garibotti, Bianconi e Palmieri che a metà gara fermano il tabellino sul 2-3. Rimonta compiuta e terzo tempo con Cosenza che va in affanno. Di Claudio esce subito per tre falli, sull’uomo in meno le silane difendono bene ma a metà tempo mollano e subiscono la rete di Garibotti, la doppietta di Bianconi e il gol di Morvillo. Risponde solo Kuzina e si va all’ultimo tempo sul 3-7. Nel quarto tempo Cosenza non molla, prova a far male alle ospiti ma la doppietta di Van Der Sloot chiude i giochi. Gara dai due volti quindi, e rossoblu che sul piano dell’impegno hanno fatto ottime cose, sbagliando però contro una compagine brava ad approfittare delle sbavature delle avversarie. Il tecnico cosentino commenta la gara. “Ringrazio Francesco Fasanella perché ha dato carica alle ragazze, brave a non mollare mai. E’ la prima partita della mia carriera che vivo dalla tribuna, ma ho preferito star lontano perché la squalifica che mi è stata inflitta è incredibile e non volevo creare o avere altri problemi. Devo dire che le ragazze sotto il profilo dell’impegno, della grinta e degli sforzi hanno dato tutto e questo la società deve riconoscerlo al gruppo. E’ chiaro però che contro una squadra costruita molto meglio non devi sbagliare e noi nonostante gli sforzi abbiamo commesso degli errori. Quello che manca è la costanza tattica nell’interpretare la gara. Abbiamo anche prodotto gioco infatti, ma se non concretizzi, se commetti piccoli errori e se nell’uomo in più non sei incisivo, queste squadre ti superano. Devo dire che le ragazze sono scese in vasca per vincere e per due tempi lo hanno dimostrato nonostante una settimana difficile, e questo mi fa ben sperare. 
 
QUI CATANIA
L’Orizzonte dimostra di essere più forte anche delle condizioni meteorologiche, vincendo 3-9 sul campo del Cosenza Pallanuoto nella dodicesima giornata di Serie A1 di pallanuoto femminile.
Le catanesi hanno conquistato il successo, pur iniziando la sfida sotto la pioggia e con una temperatura rigida, portando a casa i tre punti prefissati alla vigilia come obiettivo da raggiungere.
Le padrone di casa sono riuscite a controllare il risultato nella prima parte di gara, chiudendo la frazione iniziale sullo 0-0. Il secondo tempo invece è andato per 2-3 all’Orizzonte, che ha ipotecato la vittoria con l’1-4 a proprio favore del terzo parziale, vincendo il quarto 0-2. 
Roberta Bianconi è stata ancora una volta la top-scorer delle catanesi con tre gol, due reti per Capitan Arianna Garibotti e Sabrina Van der Sloot. Un gol ciascuno per Valeria Palmieri ed Alessia Morvillo.
L’Orizzonte consolida così il primato in classifica, approfittando della concomitante sconfitta del Plebiscito Padova a Roma, e vola a +7 proprio sulle venete, dando una nuova soddisfazione al proprio coach: “E’ stata una partita strana –dice Martina Miceli– , cominciata sotto una pioggia che è andata ad intensificarsi nei primi due tempi. Noi abbiamo iniziato in modo molto statico in attacco, ma in generale si è trattato di una gara che ha visto i due portieri come giocatrici migliori in campo. Siamo state poco incisive ed era difficile segnare anche per la bravura del loro portiere. Il nostro ovviamente non è stato da meno, perché dopo i primi due gol subìti ha letteralmente blindato la porta e almeno su uno dei due era totalmente incolpevole. Poi ci ha permesso di giocare con maggiore tranquillità in attacco e sono arrivati i gol.  Comunque, è stato importante vincere e conquistare i tre punti, per darci modo di concentrarci serenamente sul tour de force che ci aspetta. Era pure fondamentale acquisire un po’ più di sicurezza, anche se probabilmente avremmo potuto fare di meglio, perché abbiamo commesso degli errori che purtroppo continuiamo a fare. Però questa squadra mi piace ogni giorno di più, perché si esalta nelle difficoltà ed è proprio in questi momenti che trova le giocate migliori con i singoli, ma sempre con un gioco corale. Questo aspetto viene fuori nei momenti più complicati, com’è accaduto a Dunaujvaros e anche oggi, soprattutto nel terzo tempo”.
 

Share
Bogliasco guarda al futuro
Avanti nella continuitÓ
Teresa Frassinetti, diesse del team ligure, traccia il bilancio e illustra i piani per il rilancio del sodalizio biancazzurro

Eugenia Dufour (Bogliasco)
lascia la pallanuoto
Un addio senza rimpianti che giunge al termine di un percorso che dall'Acquagol l'ha vista approdare all'Eurolega

Va al Plebiscito Padova
lo scudetto 2017-2018
Vittoria ai rigori della compagine veneta ai danni del favorito Catania. Quarto tricolore per il team di Stefano Posterivo

News news news
17.05.18- Serie A2 - 17a giornata - Il programma e gli arbitri
12.05.18- E' mancato Rodolfo (Rudy) Leone, presidente della Rari Nantes Imperia
08.05.18- Serie A2 - 16a giornata. Il programma e gli arbitri
05.05.18- Serie A1 - Final-Six di Firenze. Ecco il programma
02.05.18- Serie A2 - 15a giormata - Il programma e gli arbitri
02.05.18- Serie A1 - 18esima e ultima giornata della regular season. Programma e arbitri.
26.04.18- Serie A2 - 14esima giornata. Due gli anticipi. Il programma e gli arbitri.
25.04.18- Serie A1 - 17a giornata. Il programma e gli arbitri
20.04.18- Serie A2 - 13a giornata - Il programma e gli arbitri
19.04.18- Setterosa: collegiale ad Ostia dal 22 al 25 aprile
© 2012 waterpolowomen.it
E' vietata la riproduzione anche parziale del materiale pubblicato sul sito senza autorizzazione