Competizioni
Serie A1
Serie A2
Le rubriche
Prima Pagina
A bordovasca
Nazionali
Faccia a Faccia
Il caso
Comunicati stampa
La vostra posta
<< Torna alla Home Page
<< Back
<< Torna all'elenco articoli
 
Rapallo PN
7
Cittā di Cosenza
4
Gol
Espulsioni
Lavi F.
-
-
Zanetta N.
-
-
Gragnolati A.
3(1 r.)
-
Tedesco J.
-
-
Gagliardi G.
1
-
Repetto L.
-
-
Kohli J.
1
-
Criscuolo S.
1
-
Mori E.
-
-
Criscuolo C.
1
-
Cotti A.
-
-
Giustini S.
-
-
Bacigalupo G.
-
-
Gol
Espulsioni
Sotireli E.
-
-
Citino G.
-
Definitiva
Di Claudio L.
-
-
De Mari R.
-
-
Motta S.
-
-
Niu G.
-
-
D'Amico A.
-
-
Nicolai C.
1
-
Pomeri F.
1
Definitiva
Presta C.
-
-
Motta R.
2
-
De Cuia V.
-
-
   
Sup. num. 2/12Sup. num. 1/11
Allenatore: Antonucci L.Allenatore: Capanna M.
Arbitri:Ceccarelli, Petronilli
Parziali: 2-1, 3-1, 1-2, 1-0
Note: spettatori 100 circa. Primo gol in serie A per Gagliardi (Rapallo). Uscite per limite di falli Pomeri (Cosenza) nel terzo tempo e Citino (Cosenza) nel quarto tempo. Cosenza con 12 giocatrici a referto.
Gol:gol   Espulsioni:espulsioni    

I Comunicati Stampa di Rapallo e Cosenza
28/01/2017 -
 
IL COMUNICATO STAMPA DEL RAPALLO
Penultimo match del girone di andata e Rapallo Pallanuoto che conquista tre punti importanti al termine di un match ostico, quello che oggi pomeriggio ha visto le gialloblu ospitare al Poggiolino il Cosenza Pallanuoto. Entrambe le squadre a caccia di punti, la spunta la squadra allenata da Luca Antonucci dopo una partita ben interpretata soprattutto in difesa e nonostante l'assenza di una pedina importante come Silvia Avegno, che ha seguito il match dagli spalti a causa di una fastidiosa otite. Da segnalare il primo gol in massima serie della giovanissima Gaia Gagliardi, classe 2001.
Primo tempo, sblocca il risultato la canadese Kohli per le padrone di casa, 1-0 in superiorità. A poco meno di un minuto dalla fine del tempo, primo tiro in porta del Cosenza e pareggio, segna Pomeri. Avanti ancora il Rapallo con Gragnolati; una grande parata di Lavi sul finale mantiene le gialloblu in vantaggio di una lunghezza, 2-1.
Secondo tempo, pareggio di Nicolai che dalla distanza trova l'angolino basso alla sinistra di Federica Lavi, 2-2. Dura poco, perché poco dopo è brava Arianna Gragnolati a conquistare un fallo da rigore, che lei stessa trasforma: 3-2. Rapallo che cerca di ingranare la quinta, Sonia Criscuolo si inventa una colomba che inganna Sotireli ed è 4-2. Ancora una scatenata Gragnolati, staffilata che non perdona e che manda le squadre al cambio campo sul 5-2.
Terzo tempo, Rapallo che concede poco in difesa, gestisce il vantaggio e va ad incrementarlo con Claudia Criscuolo. Accorcia Roberta Motta con una doppietta che porta il risultato sul 6-4. Il tecnico gialloblu Antonucci dà spazio alle giovanissime Giustini e Gagliardi.
Quarto tempo, proprio Gaia Gagliardi, classe 2001, centra il suo primo gol in A1: bordata che supera Sotireli approfittando dell'uomo in più: 7-4 ed è con questo risultato che si conclude il match. Rapallo che, quindi, supera il Cosenza in classifica in attesa dell'ultima giornata del girone di andata.
«E' andata molto bene, sono soddisfatto – commenta a fine match il tecnico gialloblu Luca Antonucci – Abbiamo giocato una buona partita soprattutto in fase difensiva e siamo riusciti a concretizzare di più anche in attacco rispetto alle partite precedenti. Era una partita delicata, vincerla è stata una bella risposta da parte di tutta la squadra tenendo anche conto dell'assenza di Avegno. C'è ancora molto da lavorare, ma siamo sulla strada giusta».
 
IL COMUNICATO STAMPA DEL COSENZA
Torna a casa con le pive nel sacco il Città di Cosenza, battuto al Poggiolino da un Rapallo cinico e in buono stato di forma. Le liguri hanno messo in difficoltà con il pressing le ragazze di Capanna, apparse poco concentrate e spesso fuori da una gara che doveva invece essere vitale per il prosieguo del campionato. Il 7-4 è un passo indietro, e l'impressione è che in vasca Citino e compagne non siano riuscite a riportare il lavoro svolto in settimana. Poca convinzione al momento di concludere, palla spesso lenta e numeri impietosi sull'uomo in più. Il risultato sorride alle liguri, apparse più concentrate e brave a sfruttare gli errori delle ospiti. La cronaca: si parte e Cosenza non riesce ad andare al tiro, contro una squadra aggressiva a motivata. Il Rapallo sblocca il match e sull'unico tiro tentato Pomeri pareggia in un parziale che poi termina sul 2-1. Sembra una iniezione di fiducia ma al rientro in vasca Gragnolati sale in cattedra, le rossoblu non pungono e a metà gara il tabellone dice 5-2 per le liguri. L'impressione è che Cosenza abbia le carte in regola per rientrare e il 2-1 di parziale porta la gara agli ultimi otto minuti con Cosenza sotto 6-4. Tutto aperto, almeno apparentemente, ma la prima rete in serie A di Gagliardi è l'ultima del match. Cosenza non reagisce e a festeggiare è un Rapallo che scavalca le calabresi, ancora in zona salvezza ma prigioniere più delle loro paure che di alcuni limiti. Capanna non li nasconde. "Abbiamo perso meritatamente una partita brutta - ha affermato l'allenatore - e sono mancate tante cose. La cosa che più fa male è che non mettiamo in vasca ciò che prepariamo ma sono mancate troppe cose. Le grandi non sono riuscite a trascinare la squadra e troppo spesso si tirano fuori dalla battaglia, non dalla gara, che forse è anche peggio. In troppe hanno avuto occasioni, ma è il momento di lavorare duramente, di valutare tutto, perché ora dobbiamo meritare tutto ciò che ci garantisce questa società e non deve esistere che dopo un match vinto ci sediamo giocando senza la voglia di arrivare alle gare che contano. La squadra che ho visto oggi non rispecchia la mia idea di pallanuoto, arriveremo a far sì che accada con il lavoro, ma dalla prossima gara chi fa meglio in settimana giocherà, perché oggi ho visto troppe cose che non possono passare inosservate. Non è compromesso un piazzamento playoff - conclude l'allenatore - ma la mentalità deve essere diversa".

Share
Messina - Bogliasco
L'ira del presidente Genovese
Il numero uno del team peloritano: 'Pessimo metro arbitrale. Mi sento preso in giro'. Sinatra: 'Prova di carattere'.

Elisa Casanova presidente
della Nuotatori Genovesi
Idee chiare, progetti concreti, nessun compromesso quando si tratta di giovani che praticano lo sport.

Serie A2: Como Nuoto
Arriva l'argentina Carla Comba
26 anni, giocatrice universale č reduce dall'esperienza trascorsa la scorsa stagione nelle file del NC Milano.

News news news
15.11.17- Setterosa: collegiale ad Ostia dal 20 a 22 novembre
14.11.17- Serie A1 - 4a giornata. programma & arbitri
11.11.17- FIN Cup. Orari e arbitri delle finali
05.11.17- Il Kirishi si aggiudica anche la Supercoppa
02.11.17- Raduno a Santa Maria Capua Vetere per le Nazionali Under 17 e Under 18
02.11.17- Serie A1 - Terza giornata. Programma & arbitri
26.10.17- Serie A1 - Seconda giornata. Programma & Arbitri.
17.10.17- Serie A1 - Prima giornata - Programma & arbitri
13.10.17- Izabella Chiappini ha acquisito la cittadinanza italiana
04.10.17- FIN CUP. Scatta fase due
© 2012 waterpolowomen.it
E' vietata la riproduzione anche parziale del materiale pubblicato sul sito senza autorizzazione